Questo sito fa utilizzo di Cookies, continuando la navigazione li accetti

All'inizio degli anni Cinquanta, Wilhelm Karmann, proprietario dell'omonima azienda di Osnabrück, iniziò a pensare ad una spider con il tetto apribile sulla base del Maggiolino Volkswagen.

Nella primavera del 1953, Karmann commissionò all'amico Luigi Segre, proprietario della Carrozzeria Ghia di Torino, di progettare una sportiva converibile. Ad ottobre, Karmann visionò il risultato in un garage di Parigi e ne rimese entusiasta, sebbene quello che avesse visto fosse il modello di una coupè. L'elegante prototipo impressionò anche Heinrich Nordhoff, all'epoca amministratore delegato della Volkswagen, e venne presa così la decisione di sviluppare un modello coupè 2+2 per la produzione di serie.
L'auto di Karmann combinava l'affidabile tecnologia del Maggiolino Volkswagen con l'elegante design italiano della carrozzeria. Un maggiore spazio per i sedili anteriori, due splendidi strumenti rotondi e una velocità massima di 116 kmh conferivano alla vettura un aspetto che trasmetteva il piacere di guida. Dopo lievi modifiche alla carrozzeria - inclusa l'aggiunta di quelle caratteristiche prese d'aria nella parte anteriore della vettura - la coupé definitiva fu presentata il 14 luglio 1955 al Casino Hotel di Georgsmarienhütte. La nuova, elegante Karmann Ghia Coupé (Tipo 14), basata sulla Volkswagen Tipo 1, fu subito un successo, proprio come lo fu al lancio ufficiale della vettura al salone di Francoforte nel settembre 1955.
La produzione iniziò nel settembre del 1955 e ciò che seguì fu una eccezionale storia di successo: la Volkswagen Karmann Ghia conquistò donne e uomini di tutto il mondo.
"L'auto dei sogni per gli automobilisti esigenti che amano andare veloci, anche con il tetto abbassato", così era scritto sul depliant di vendita nel 1958. La capote trasformava i parametri di riferimento in termini di lavorazione, materiale e silenziosità.
Dopo diciannove anni di successi e la produzione di 362.601 coupé e 80.881 cabriolet, la Karmann Ghia Type 14 andò in pensione nel 1974. La Scirocco era pronta a prendere il suo posto.
L'ultima Karmann Ghia, di colore Phonix Red, uscì dalla fabbrica di Osnabruck il 31 luglio 1974. L'auto fa parte della collezione del museo Volkswagen.